La gioia fa parecchio rumore

Caro Lettore,

sei pronto a scoprire tutto il tuo stupore? Accade quando La gioia fa parecchio rumore nuovo romanzo di Sandro Bonvissuto. La storia non è uno spazio muto e senza tempo, ma è la vita di un bambino di dieci anni che cresce a Roma negli anni Ottanta ed impara che il talento non coincide sempre con la realizzazione di un sogno, quello di vedere la A.S. Roma in vetta, soprattutto dopo l’arrivo nella capitale di un campione di nome Paulo Roberto Falcao. Comprenderai che l’autore non ama passare per una via secondaria, mentre racconta il destino, il senso unico e irripetibile del protagonista, essere (e non diventare!) un tifoso della A.S. Roma. Con uno stile essenziale sonda il mondo delle immagini, facendo uso del fascino poetico. C’è una sorgente inesauribile di curiosità, dentro un bambino condotto verso la magia, grazie a quella precisa dedizione che risveglia le leggi più profonde del suo essere, ti racconterà che “come tutti i bambini maschi della mia età passavo intere giornate sull’amato divano ad attaccare figurine, producendo un volume immenso di scarti bianchi e lucidi e arrotolati che mi sembravano la testimonianza della mia estrema ricchezza. Perché la ricchezza inquina, e gli scarti delle figurine erano precisamente questo: il residuo di qualcosa che accompagna la felicità quando c’è. Più era vasta la massa dei foglietti che riuscivi ad ammucchiare, più voleva dire che la vita stava andando bene”. Leggerai la storia di una famiglia, senza nome proprio ma di tutti, che farai entrare a casa tua e rallenterai la lettura perchè imparerai a volergli bene. Ciò che rappresenta A.S. Roma non è metafora dell’amore, ma del gesto dell’amore, unico fratello della vita, puro e incondizionato di fronte alla mutazione; così stare in campo è metafora del cambiamento, quando si gioca una partita non c’è il senso di permanenza, ogni azione è imprevedibile e il tifoso ostaggio dei propri sentimenti. Questo libro è la tua occasione, un richiamo di cose che potresti aver dimenticato e lo chiuderai quando avrai ricordato ogni cosa. Una storia che scrive di resistenza, come si esce da un brutto sogno con le idee intatte e senza rinunciare ad amare. Quando sembra finita, si annunciano i minuti di recupero e si lotta anche contro il vuoto perché la vita va calciata, per attirare l’attenzione della gioia. Sandro Bonvissuto scrive in ogni angolo della sua esistenza, declama la città eterna, e tu lettore comprenderai che non sei tenuto a restare sempre con la faccia al sole e che nessuna gioia è per sempre, a meno che non sei un tifoso della A.S. Roma, figlio del “nonostante tutto”.

SANDRO BONVISSUTO
La gioia fa parecchio rumore
Einaudi Editore